Spread the love

Fabrizio, Flavio e Mauro i tre fratelli Settegrani nel 2003 calcavano i palchetti di provincia quando Flavio Premoli, pianista della PFM, volle Parappappà, brano scritto da Fabrizio Settegrani, come sigla del primo anniversario del Teatro di Varese. Nacque una collaborazione che porterà alla realizzazione del primo disco della band, “A spasso coi tempi”. I 7grani scrivono e arrangiano i loro brani creando un sound che spazia dal folk al reggae, con ventate di rock e ska; nasce un disco libero da schemi e mode, con una sua identità e un suo messaggio “i 7grani vogliono raccontare le proprie esperienze di vita in modo ironico ma profondo”, e questo proposito è la guida lungo la quale i tre musicisti hanno costruito la loro carriera, evolvendosi, ma restando aderenti a quelle parole pronunciate 15 anni fa.

Pur rimanendo una band dtrettamente famigliare, i 7grani suonano dal vivo e in studio con Raffaele Kohler (Trombettista degli Ottavo Richter, che collabora con la banda Osiris, Vinicio Capossela e Afterhours), Simone Peduzzi (fisarmonica e percussioni), Davide Laura (violino), Luca De Alberti (batteria) e Francesco Amico (chitarra e cori). Sabato sul palco per festeggiare i 15 anni ci saranno tutti e non solo loro, molti amici non vogliono mancare al compleanno, perciò condivideranno il palco anche Walter Maffei, Baule dei Suoni, Pauline Fazzioli, Max Malavasi,
Walking Ears, Mirko Chighine, Massimo Laura, Germano Lanzoni, Alessandro Alvaro, Ottavo Richter, Le Sballerine, Massimo Scoca, Gigi Miglio

interverrà COMO SENZA FRONTIERE

Dopo anni di concerti e differenti esperienze,  nel 2003 in occasione del primo anniversario del Teatro di Varese,  il direttore artistico Flavio Premoli (pianista della PFM) sceglie “Parappappà” come sigla di apertura della stagione teatrale. Il brano scritto da Fabrizio Settegrani viene registrato allo “ien Project studio” di Varese da Ivan Ciccarelli ( batterista degli 883, Antonella Ruggiero, Anna Oxa e Gianna Nannini) e da  Massimo Faggioni (fonico  di San Remo e xfactor). Nasce così una collaborazione che porterà alla realizzazione del primo disco dei 7grani,

Il disco intitolato “A spasso coi tempi” registra grande interesse e in pochi mesi è già in rotazione in molte radio locali italiane e moltissime radio internazionali web e fm, Germania, Stati Uniti, Svizzera, Sud Africa e Australia tanto da richiamare l’attenzione dei più importanti quotidiani nazionali e delle televisioni; dalla Rai a Mediaset che intervistano la band.

“Universo fragile”, quarta traccia del disco è giunta al primo posto in un network di Portland-Oregon (USA), davanti a mostri sacri come Alanis Morrisette, Beck e Elton John ed è rimasta in classifica per diversi mesi. Lo stesso brano “Universo fragile” è ai vertici della playlist di KIWC fm a Boulder City in Nevada. “Abbi cura Remix” è arrivata in testa alla classifica dei brani del genere world music all’interno del portale australiano MP3.com.au.e.

Nel 2006 durante un un concerto in Svizzera la band accompagna Yolanda Martinez (cantante Apache del New Mexico) in un’emozionante versione di Summertime. Il brano verrà inciso nell’ultimo disco della cantante che nel 2008 vincerà i Grammy/Nammy Award nella categoria Nativi Americani proprio con questa versione suonata con i 7grani.

I 7grani nel novembre 2007 vengono premiati al M.E.I. (il meeting delle etichette indipendenti) di Faenza con uno speciale riconoscimento per il successo ottenuto all’estero.

Nel 2009 mentre stanno ultimando il nuovo album “di giorno e di notte”, registrano “neve diventeremo” e realizzano il videoclip del brano all’interno del campo di concentramento nazista di Buchenwald, in Germania nei pressi dei Weimar; la canzone nasce ispirata dalla storia di Rado Zuccon, partigiano amico di famiglia spravvissuto alla deportazione. I 7grani producono e realizzano, oltre al video, anche un documentario sulla figura di Rado che inizia a fare il giro del mondo e porta i 7grani su importanti giornali come “Le monde” e l’interessamento del tg1, di Rai3 nella rubrica Linea notte condotta da maurizio Mannoni, di sat 2000 e di molte testate giornalistiche.

Il video vince al MEI 2009 un riconoscimento per “l’impegno civile e la militanza di base” e lo stesso video è premiato allo IULM di Milano, si classifica fra i migliori 30 videoclip indipendenti italiani del 2009 con nomi come, Pooh, Zeroassoluto, Subsonica.

Nel 2011 dopo aver ricevuto molti premi e riconoscimenti in concorsi nazionali “Neve diventeremo” è in nomination al David Di Donatello.

Nel 2010 esce il secondo album, “di giorno e di notte” recensito positivamente da molte riviste specializzate: XL di Repubblica, il Fatto Quotidiano e da diversi siti musicali.

Il video di “faccia da sospetto” entra in nomination allo IULM di Milano e viene considerato fra i migliori videoclip dell’anno insieme ai Litfiba, Caparezza e molti altri.

Intanto “Neve diventeremo” diventa un progetto musicale e documentaristico che i 7grani presentano alle scuole attraverso un concerto-evento.

Il 27 gennaio 2012, in occasione delle Celebrazioni per la Giornata della Memoria, il Presidente della Repubblica Giorgio Napolitano riceve i 7grani al Quirinale e attraverso la Presidenza della Repubblica cura una prefazione al libretto contenuto nel cofanetto CD+DVD in uscita nella primavera 2013 contenente il documentario “Storia di Rado”, il videoclip del brano e un cd con canzoni dedicate alla Memoria e alla Resistenza

Tra il 2012 e il 2014 escono due singoli “caminante” (brano dedicata alla lotta alla mafia) e “liberalasedia” (video presentato in esclusiva su “Repubblica.it)

Nel 2015 Dopo aver letto il libro “The Rape of Nanjing” scrivono il brano “Ragazza di Nanchino” (canzone dedicata alle donne vittime delle guerre) e sono intervistati da radio Pechino, da CCTV, dal tg3 e tg1.

Il brano in italiano piace molto al Performing Art Group Nanjing che  li invita a Nanchino a girare un documentario, un videoclip ed ad aprire lo Youth Festival, organizzato da UNESCO con varie Fondazioni Culturali Cinesi,

Ad aprile 2017 i 7grani i cantano il brano  MO LI HUA in cinese (uno dei brani più popolare in Cina) su richiesta del P.A.G. di Nachino  e girano il video  a Milano in Piazza della Scala

Leave a comment

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *